GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense
  MAPPA SITI   ARCHEOLOGICI
       
  Lo schema dei siti Archeologici  
    Scopri tutti i siti archeologici
che il GAM ha negli anni realizzato...
 
 
 IN EVIDENZA
       
    Dal 20 giugno 2009  
  I longobardi nel Bresciano I longobardi nel Bresciano
La mostra dei Longobardi è ospitata nel P.A.S.T. - Palazzo dell'archeologia e della s...
 
       
 MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Rocca medioevale di Montichiari Rocca medioevale di Montichiari
L'analisi Archeologica della Soprintendenza della Lombardia L'esistenza di una fortificazione in Mo...
 
       
  IL PAST
  PAST - Palazzo dell’archeologia e della storia del territorio
 
PAST
Museo
Palazzo dell’Archeologia
e della Storia
del Territorio
Comune di Montichiari
 
 
 

Mappa siti archeologici

 

Collocazione del monumento funerario di L. Gnatius Germanus

 
  Sigla sito   02MOPT
       
  Denominazione   Collocazione del monumento funerario di L. Gnatius Germanus
       
  Anno ritrovamento   1995
       
  Anno intervento   2002
       
  Luogo   Palazzo Tabarino
       
  Località   Piazza Teatro
       
  Comune   Montichiari (BS)
       
  Macro età   Età Romana
       
  Età archeologica   Età republicana ed imperiale
       
  Periodo   I sec.d.C.
       
  Tipologia sito   reperto isolato
       
  Tipo struttura archeologica   --
       
  Tipo reperto   Monumento funerario
       
  Materiale reperto   pietra di botticino

  PHOTOGALLERY
indietro
avanti
Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire

Il monumento funerario di L. Gnatius Germanus
 RASSEGNA STAMPA
     
  Quotidiani, periodici, riviste  
     
     
Una piazza per la stele romana - Vai alla scheda Una piazza per la stele romana  
     
Ecco Montichiari romana - Vai alla scheda Ecco Montichiari romana  
     
  Pubblicazioni scientifiche  
     
     
  Anni 1995-97  
MONTICHIARI (BS) - loc. Comazoo - Vai alla scheda MONTICHIARI (BS) - loc. Comazoo  
     
  Bibliografia  
     
     
  ANNO 2002  
GAM- "Relazione all'assemblea annuale dei soci", aut. P. C.  - Vai alla scheda GAM- "Relazione all'assemblea annuale dei soci", aut. P. C.  
 

La collocazione

Dopo il ritrovamento i reperti furono lasciati in custodia alla Comazoo che provvide ad una sistemazione temporanea all'interno di un'aiola di fronte alla palazzina degli uffici. La destinazione finale infatti era la piazzetta di palazzo Tabarino proposta dal Gam ed approvata dal comune e dalla Soprintendenza archeologica della Lombardia.
 Il 21 maggio 2002 finalmente le operazioni iniziano, la ditta Nodari smonta il monumento  e dalla Comazoo si dirige in piazza Teatro dove con un'operazione che attira l'attenzione del circondario i reperti vengono calati con un'enorme gru nel cortile di Palazzo Tabarino.
 Da alcuni giorni si lavorava alla preparazione del basamento in calcestruzzo, proporzionato per sostenere il peso del manufatto antico ed isolarlo dal lavorio delle radici delle betulle che gli fanno da cornice ad ovest.  Dapprima si posizionano i due blocchi di base, si allineano le scanalature a coda di rondine che in origine ospitavano le grappe (fusione di metallo) con la funzione di mantenerli saldamente uniti. Poi  viene depositato il monolite a due gradini in posizione simmetrica; il monumento, se teniamo conto della localizzazione delle martellinature   superficiali  era destinato ad essere visto da tre lati. Infine, sulla sommità, si installa l'ara funeraria che porta il monumento ad un'altezza di 296 cm ed un peso stimato di 120 q.li.  
(P.C.)
                                                                                                                                                                                                              

Il ritrovamento

Nel 1995 scavi per la costruzione di silos per cereali in un mangimificio situato km 1,5 a SW dell'abitato di Montichiari rinvenivano a m 3 di profondità quattro grandi elementi lapidei in pietra di Botticino pertinenti ad un monumento funerario d'età romana affondato nei ghiaioni di un paleoalveo del fiume Chiese la cui traccia, in parte ancora avvertibile da dislivelli altimetrici, è stata precisamente descritta da recenti studi geomorfologici.
Secondo ogni apparenza il monumento apparteneva all'area funeraria privata della villa romana, di cronologia non ancora ben definita, localizzata a brevissima distanza da ricerche di superficie condotte nel 1989. Questo insediamento che è il più orientale di un gruppo di 6 siti che si distribuiscono su un'area di kmq 2 a poche centinaia di metri a W dall'attuale corso del fiume, fu evidentemente eroso da una divagazione del corso d'acqua che provocò il collasso della struttura e il suo slittamento nel nuovo alveo dove fu sepolto dai sedimenti ghiaiosi pervenendo quindi eccezionalmente intatto fino a noi.
Il monumento del quale si potrà apprezzare appieno l'imponenza, una volta che sarà ricomposto come previsto nella nuova sede dei servizi culturali di Montichiari, misura m 2,96 di altezza, m 2,13 di larghezza e m 1,78 di profondità per un peso complessivo vicino alle 12 tonnellate.
Sul basamento costituito da due blocchi parallelepipedi accostati e saldati con grappe metalliche, poggia uno zoccolo a due gradoni che sostiene l'ara con base e cornice modanate, conclusa da due volute cilindri che e da un risalto triangolare centrale.
Mentre i fianchi e il lato posteriore sono semplicemente appianati ,il fronte reca su tre righe entro una cornice a listelli l'iscrizione: L(ucius) Gnatius / Germanus / Pob(lilia tribu) (sex)vir (probabilmente il proprietario della vicina villa) seguita da un ampio spazio libero. Nella faccia delle volute sono inoltre incise le lettere V(ivus) F(ecit) sotto le quali stanno due piccoli fori che probabilmente ospitavano ganci metallici per la sospensione di ghirlande o altre offerte. Il monumento, databile sulla scorta delle caratteristiche epigrafiche entro la fine del I° sec. d.c., è stato pubblicato dal compianto Albino Garzetti in Tribù romane e confini municipali in Imperium Romanum. Studien zu Geschichte und Rezeption. Festschrift fur Karl Christ zum 75 Geburstag, Stuttgart 1998, pp. 275-287.
(A.B.)

   

 
   
torna indietro
 
 
       
  Home | Gam | Contatti | Soprintendenza | Campi di scavo
Mappa siti archeologici | Età Archeologiche | News

GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense - Via XXV Aprile, 40 25018 - Montichiari (Bs)
Per contattarci clicca qui | Web credits | Copyrights | Mappa del sito
XHTML CSS