GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense
  RASSEGNA STAMPA
     
  Quotidiani, periodici, riviste  
       
  Atlante Bresciano Atlante Bresciano  
       
       
  BCCnotizie BCCnotizie  
       
       
  Bresciaoggi Bresciaoggi  
       
       
  Giornale di Brescia Giornale di Brescia  
       
       
  Gli speciali di Portobello Gli speciali di Portobello  
       
       
  Il Gazzettino Il Gazzettino  
       
       
  La Vita Monteclarense La Vita Monteclarense  
       
       
  L'Eco della Bassa Bresciana L'Eco della Bassa Bresciana  
       
       
  Montichiari Week Montichiari Week  
       
       
  Paese Mio Paese Mio  
       
     
  Pubblicazioni scientifiche  
       
  Brixia sacra Brixia sacra  
       
       
  Civiltà Bresciana Civiltà Bresciana  
       
       
  Notiziario - Soprintendenza Notiziario - Soprintendenza  
       
       
  Tesi di Laurea Tesi di Laurea  
       
     
  Bibliografia  
       
  Bibliografia Bibliografia  
       
 
 MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Rocca medioevale di Montichiari Rocca medioevale di Montichiari
L'analisi Archeologica della Soprintendenza della Lombardia L'esistenza di una fortificazione in Mo...
 
       
  IL PAST
  PAST - Palazzo dell’archeologia e della storia del territorio
 
PAST
Museo
Palazzo dell’Archeologia
e della Storia
del Territorio
Comune di Montichiari
 
 
 

Rassegna stampa

Notiziario - Soprintendenza

 - Notiziario - Soprintendenza

 
Montichiari (Bs)
Posizionamento dei rinvenimenti
 
MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Ritrovamento e scavo di una calchera - Vai alla scheda Calchera  
       
       
  Pozzo di epoca romana  - Vai alla scheda Pozzo di epoca romana  
       
 
Anno 1987

MONTICHIARI (BS) - Val del Pomo


Tracce d'insediamento d’età romana

Ricognizioni di superficie hanno individuato una vasta area di interesse archeologico in località Val del Pomo lungo la riva sinistra del fiume Chiese, 2-3 km a N dell'abitato di Montichiari.
Sono stati distinti tre siti di occupazione antica, due dei quali riferibili all'età romana.

Sito 1
L'intensa azione erosiva del fiume Chiese ai danni del paleoargine, costituito da ghiaia compatta di origine morenica, alto m 13,5 rispetto all'alveo, ha messo in luce una struttura cilindrica costruita con ciottoloni di origine fluvio-glaciale, danneggiata nella parte superiore.
Lo scavo ha permesso di identificare nel manufatto un pozzo dal diametro interno di 1 m circa e con profondità fino ad ora accertata di m 10,5.
Dalla cavità, frammisti a materiale costituito da ghiaia e ciottoli, sono stati estratti noduli di agglomerato cementizio, laterizi (embrici e coppi) e frammenti ceramici (ceramica celtica decorata a unghiate, ceramica a vernice nera, terra sigillata padana, ceramica a pareti sottili, ceramica depurata e frammenti di anfore). L'insieme dei reperti indica una frequentazione intensiva del sito almeno dal I °sec. a.C. al I° sec. d.C.
Sono venuti altresì alla luce resti di intonaci oltre a diverse ossa di bovino, ovino, equino e cinghiale.
La struttura a secco del pozzo si presenta ancora solida nonostante l'irregolarità del profilo interno.
In adiacenza alla struttura la ricerca di superficie ha individuato il sito dell'insediamento testimoniato da uno strato di laterizi e frammenti ceramici, coevi a quelli rinvenuti nel pozzo, che ancora si conserva a 30-40 cm dal piano di campagna.

Sito 2
Circa 500 m a S del sito 1 è stato riconosciuto su un'estensione di 40 m un livello di laterizi finemente triturati che potrebbe corrispondere a un battuto di strada rurale consolidato da riporti di detriti. Poco più a S sono emerse due strutture in cotto affiancate, identificate poi come la parte inferiore di due distinte calchere. Lo scavo di una di esse ha messo in luce un catino cilindrico di 3,2 m di diametro, profondo mediamente un metro, rivestito da una spessa fodera di argilla depurata cotta dal calore, ben conservata contrariamente al fondo quasi interamente asportato.
La sezione del riempimento ha permesso di evidenziare uno strato inferiore di 10/20 cm di resti di carboni di legna, sopra il quale era uno strato omogeneo di 10/15 cm di calcina colata che occupava l'intera superficie della vasca; frammisti al restante materiale di riempimento vi erano grossi frammenti di mattoni, coppi ed embrici.
Non vi sono elementi di datazione.

Sito 3
1 km a N del sito 1, a ridosso della Cascina Casuccio, su un promontorio del paleoargine del Chiese l'affioramento di frammenti ceramici su una vasta area che testimonia la presenza di un insediamento d'età romana cui potrebbe essere riferito un acciottolato conservato poco sotto il livello di coltivo nelle immediate adiacenze
Paolo Chiarini

Allo scavo ha partecipato oltre allo scrivente, il sig. G. Chiarini; un particolare ringraziamento al prof. R.Franzoni e al dott. M. Prignacca per l'analisi dei reperti ossei


  PHOTOGALLERY
indietro
avanti
Clicca per ingrandire


torna indietro
 
 
       
  Home | Gam | Contatti | Soprintendenza | Campi di scavo
Mappa siti archeologici | Età Archeologiche | News

GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense - Via XXV Aprile, 40 25018 - Montichiari (Bs)
Per contattarci clicca qui | Web credits | Copyrights | Mappa del sito
XHTML CSS