GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense
  MAPPA SITI   ARCHEOLOGICI
       
  Lo schema dei siti Archeologici  
    Scopri tutti i siti archeologici
che il GAM ha negli anni realizzato...
 
 
 IN EVIDENZA
       
    Dal 20 giugno 2009  
  I longobardi nel Bresciano I longobardi nel Bresciano
La mostra dei Longobardi è ospitata nel P.A.S.T. - Palazzo dell'archeologia e della s...
 
       
 MAPPA SITI ARCHEOLOGICI
       
  Galleria di mina nella Rocca medioevale Galleria di mina nella Rocca medioevale
L’intervento (anno 1997) Nell’ambito dello studio intrapreso sulle evidenze medioevali ...
 
       
  IL PAST
  PAST - Palazzo dell’archeologia e della storia del territorio
 
PAST
Museo
Palazzo dell’Archeologia
e della Storia
del Territorio
Comune di Montichiari
 
 
 

Mappa siti archeologici

 

Villaggio dell’età del bronzo di Monte Rotondo

 
  Sigla sito   95MORO
       
  Denominazione   Villaggio dell'età del bronzo di Monte Rotondo
       
  Anno ritrovamento   1995
       
  Anno intervento   1995
       
  Luogo   Monte Rotondo
       
  Località   --
       
  Comune   Montichiari (BS)
       
  Macro età   Età del bronzo
       
  Età archeologica   Medio
       
  Periodo   XVI-XIV sec.a.C.
       
  Tipologia sito   villaggio
       
  Tipo struttura archeologica   Vallo difensivo
       
  Tipo reperto   frammenti di vaso
       
  Materiale reperto   ceramica comune

  PHOTOGALLERY
indietro
avanti
Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire Clicca per ingrandire

Foto aerea: andamento del “vallo”
 RASSEGNA STAMPA
     
  Bibliografia  
     
     
  ANNO 1997  
GAM- "Relazione all'assemblea annuale dei soci", aut. P. C.  - Vai alla scheda GAM- "Relazione all'assemblea annuale dei soci", aut. P. C.  
     
  ANNO 1996  
GAM- "Relazione all'assemblea annuale dei soci", aut. P. C.  - Vai alla scheda GAM- "Relazione all'assemblea annuale dei soci", aut. P. C.  
     
  ANNO 1995  
GAM- "Relazione all'assemblea annuale dei soci", aut. P. C.  - Vai alla scheda GAM- "Relazione all'assemblea annuale dei soci", aut. P. C.  
 
In cima a M. Rotondo emergono le evidenze archeologiche del bronzo più corpose, per quanto conosciamo attualmente; questo colle ha una conformazione più allargata rispetto agli altri  e presenta un pianoro esteso circa 40.000 mq sul lato nord.
Qui si sono trovati i primi frammenti appartenenti a contenitori in ceramica grezza e limitati sondaggi in profondità hanno confermato l’esistenza sotto il coltivo di un deposito antropico spesso 60 centimetri; curiosamente, però, i reperti erano situati tutti in una striscia larga da 2 a 3 metri, cromaticamente più scura rispetto al colore giallognolo del morenico fresco.
Grazie alla collaborazione di Basilio Rodella, specialista in foto aree, sia al naturale che all’infrarosso, siamo stati in grado di vedere nella sua totalità ciò che si era notato in superficie.
La striscia sopra menzionata circonda per tre lati un’area di 250x150 metri e sarà obiettivo delle prossime ricerche individuare l’esatta posizione del quarto lato, sul versante nord.
L’ipotesi più accreditata dagli archeologi è che si tratti di un vallo difensivo costruito tutt’attorno ad un villaggio che occupava un’area di circa 3 ha; la colorazione chiara del morenico fresco ai lati di questo serpentone è da riferire probabilmente al terrapieno messo in opera col terreno derivato dallo scavo del vallo, ipotesi che sarà possibile accertare con uno scavo mirato.
Durante il bronzo medio si sviluppa in Emilia, ad occidente del Panaro, una particolare cultura denominata terramaricola; una caratteristica costante dei villaggi terramaricoli, attestata già da scavi eseguiti alla fine del secolo scorso, era quella di essere circondati da imponenti palificate ed altrettanto massicci terrapieni, eretti a scopo difensivo.
Nel medesimo periodo la cultura palifitticola della Polada, caratterizzata da capanne lignee costruite sul limitare dell’acqua, si sviluppa sul Garda, sui laghetti inframorenici della prima e della seconda cerchia ed attorno ai laghi montani.
Sarà interessante, nell’approfondire l’indagine archeologica su Monte Rotondo, riuscire a stabilire la sequenza cronologico-insediativa, i dati significativi dell’insediamento in base alle strutture che si sono conservate ed ai reperti recuperati; sarà così possibile comprendere a quali delle due culture sopracitate, durante il bronzo medio, le comunità del nostro territorio erano culturalmente e socialmente più affini. (P.C.)
   

 
   
torna indietro
 
 
       
  Home | Gam | Contatti | Soprintendenza | Campi di scavo
Mappa siti archeologici | Età Archeologiche | News

GAM - Gruppo Archeologico Monteclarense - Via XXV Aprile, 40 25018 - Montichiari (Bs)
Per contattarci clicca qui | Web credits | Copyrights | Mappa del sito
XHTML CSS